Da vedere

La natura di Maurizio Bedin

Maurizio Bedin, nato nel 1962, fotografa da oltre vent’anni la natura nel senso più ampio del termine: animali, piante, paesaggi, dettagli, colti con l’attenzione e l’acume del curioso e con lo stupore di chi non cessa mai di percepire entusiasmo di fronte alla fragile bellezza di tutti gli organismi. Lo sforzo costante di Maurizio è quello di rendere attraverso il riquadro dell’immagine la vitalità di ogni creatura e la sua stretta connessione con l’ambiente in cui vive, cercando di distillarne l’essenza e tracciarne un ritratto nello spazio di un istante.
Bedin fa parte del gruppo di fotonaturalisti altoatesini “Strix” ed è coautore del libro “La magia dell’istante” pubblicato da Folio.  
Due esemplari di ascalafo (Ascalaphus libelluloides) evidenziano la fine fenestratura delle ali anteriori e le colorate superfici giallo-nere delle posteriori. Una cutrettola (Motacilla flava) in un momento di sosta durante la migrazione primaverile, colta nell’atto di emettere un primo canto territoriale.
Due esemplari di farfalla aurora (Anthocharis cardamines) in accoppiamento.  L’espressione curiosa di un ermellino (Mustela erminea) che fa capolino dalla neve conferisce un’aria di folletto a questo piccolo efficientissimo predatore. 
Un’orobancacea e una giovane plantula di faggio (Fagus sylvatica) sembrano in competizione per la luce: in realtà solo la piantina ne ha bisogno, in quanto l’altra specie è priva di clorofilla e vive di parassitismo radicale, appunto alle spese del faggio.  Il precario equilibrio di una coppia di gheppi (Falco tinnunculus) durante i brevi istanti della copula.
Gli ispidi fiori del trifoglio fibrino (Menyanthes trifoliata) si affacciano alla superficie del piccolo specchio d’acqua di una torbiera.  Un tarabuso (Botaurus stellaris), il più criptico tra gli aironi europei, avanza circospetto ai margini della vegetazione palustre.
Un turbine di foglie autunnali nel vortice di un piccolo ruscello boschivo.  Una giovane volpe (Vulpes vulpes) fa toeletta nella bassa luce della sera.